I.T.R.I.A. - Chi siamo

Itria è un comitato per la promozione di itinerari turistici religiosi interculturali accessibili.

Giuridicamente, si configura come associazione non-profit con sede a Roma. È costituita da Don Valerio Pennasso (Direttore dell'Ufficio nazionale della CEI per i Beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto), Sharif Lorenzini (Presidente della Comunità islamica d'Italia), Rav. Dr.Umberto Avraham Piperno (Rabbino Emerito del Sud Italia) e Dino Angelaccio (Esperto di accessibilità universale, progettazione inclusiva e multisensoriale). Opera con la collaborazione di professionisti, istituzioni e terzo settore, per diffondere i principi del dialogo interreligioso, interculturale e dell'accessibilità universale.

Obiettivo di Itria è di promuovere e raccontare le contaminazioni fra la cultura e la religione cristiana, ebraica e islamica attraverso le tracce e la memoria del patrimonio culturale, materiale e immateriale, che è presente in tutte le realtà del nostro Paese.

Attualmente, Itria è un progetto in itinere, che mira a creare percorsi turistico-culturali tramite i quali far vivere esperienze interreligiose e, al tempo stesso, accessibili.
Alle persone che li attraversano, infatti, Itria desidera far sperimentare modalità di fruizione accessibili del patrimonio culturale, storico e ambientale. E vuole farlo raccontando tradizioni e usi locali che siano in grado di stimolare e soddisfare bisogni, interessi e desideri sia negli abitanti sia nei visitatori.

Dal punto di vista interculturale, i progetti di Itria vogliono costituirsi come laboratori per la costruzione di una cittadinanza contemporanea . Per questo, ognuno di essi è ideato in modo da essere aperto a tutte le persone, qualunque sia la loro condizione di vita. Tra le finalità di Itria, infatti, c'è anche quella di formare dei percorsi che siano luoghi di sperimentazione per nuovi modelli di accoglienza .

Beni artistici, archeologici, ambientali, paesaggistici, enogastronomici, luoghi di fede, fatti e personaggi storico-letterari, aspetti connessi all'identità locale, eventi da recuperare, attività di svago e tempo libero connesse al contesto territoriale ecc. Tutto questo è il materiale dal quale Itria parte per costruire percorsi caratterizzati da valenze religiose, culturali e ambientali, incrementando e moltiplicando le potenzialità turistiche dei nostri territori attraverso una fruizione comoda e gradevole.

Il primo itinerario sperimentale di Itria vuole attraversare tre regioni: Puglia, Basilicata e Calabria .

Per orientare l'ideazione di prodotti turistico-culturali in questi e in altri territori, Itria fornisce un sistema integrato d'indicatori basato sui tre elementi chiave: Accessibilità, Interculturalità e Interreligiosità. Itria ha, altresì, l'obiettivo di far leva sugli elementi immateriali dell'attrattività, derivanti sia da significati religiosi e storico-culturali sia da elementi legati alla sfera dell'emozionalità.